WIKIMANIA

From Wikimania 2014 • London, United Kingdom
Jump to: navigation, search
This page is a translated version of the page Wikimania and the translation is 94% complete.

Other languages:
Afrikaans • ‎العربية • ‎azərbaycanca • ‎беларуская • ‎беларуская (тарашкевіца)‎ • ‎বাংলা • ‎brezhoneg • ‎Chavacano de Zamboanga • ‎čeština • ‎Cymraeg • ‎Deutsch • ‎Zazaki • ‎Dusun Bundu-liwan • ‎Ελληνικά • ‎English • ‎Esperanto • ‎español • ‎فارسی • ‎suomi • ‎français • ‎עברית • ‎Հայերեն • ‎Bahasa Indonesia • ‎italiano • ‎日本語 • ‎ქართული • ‎한국어 • ‎Lëtzebuergesch • ‎لۊری شومالی • ‎文言 • ‎македонски • ‎Bahasa Melayu • ‎नेपाली • ‎Nederlands • ‎polski • ‎português • ‎português do Brasil • ‎română • ‎русский • ‎slovenčina • ‎Kiswahili • ‎தமிழ் • ‎Türkçe • ‎татарча/tatarça • ‎ئۇيغۇرچە / Uyghurche • ‎українська • ‎اردو • ‎Tiếng Việt • ‎ייִדיש • ‎中文 • ‎中文(台灣)‎


Wikimania 2014 group photo.jpeg

Tre giorni, 200 colloqui, ormai finito.

Immagina un mondo in cui ad ogni singola persona
sia dato libero accesso a tutta la conoscenza umana. #wikimania2014

Watch the videos on youtube
Watch the videos on Commons (coming soon)
Watch the videos from livestream
Check out the programme!
Guarda chi altro c'era: Hello world!

Cos'è Wikimania?

Wikimania è una conferenza per oltre 2000 utenti, un festival, un incontro, un workshop, un hackathon e una festa che si svolge in cinque giornate ad Agosto 2014, preceduta e seguita da altri eventi. È l'evento ufficiale annuale del Movimento Wikimedia, dove potrai scoprire tutti i progetti che le persone da tutto il mondo stanno portando avanti con le wiki e i contenuti liberi, così come conoscere la comunità che produce la più famosa wiki di tutte, Wikipedia!

The core event was held in and around The Barbican Centre in London, UK.


State of the Wiki
Aggiornamento annuale sui progetti di Wikimedia

Wikipedia is a household name — in fact, it’s now one of the five most popular websites in the world, clocking over 21 billion hits every month. With over 110m pages across 287 languages, and a dozen sister projects including dictionaries, newspapers, multimedia repositories and travelguides, it's come a long way since its founding in 2001; the community has grown, the technology has developed, and the organisation has matured. However, there are still sweeping changes to come. more…


Social Machines:
Come possono le comunità online sbloccare il potenziale dell'umanità?

Una volta le "macchine" erano programmate dai programmatori e utilizzate dagli utenti. Il successo del web ha però cambiato questa relazione: possiamo quindi vedere gruppi di persone che interagiscono coi contenuti e tra loro, rendendo più sfumata la distinzione fra attività dovute a macchine ed algoritmi e produzione che derivano da esseri umani. Invece di tracciare un confine fra sistemi digitali web based per separare la produzione umana da quella digitale (come l'informatica ha sempre fatto) noi ora possiamo tracciare una linea che li congiunga come componenti di una "produzione sociale", una produzione dove questi due aspetti sono fortemente interconnessi. [1] Sicuramente Wikipedia è da considerarsi un progetto di questo tipo, ma gli altri? Come si può progettare sistemi di questo tipo dall'origine? Altro…


Il futuro dell'educazione:
Ora che Wikipedia ha fatto i compiti a tutti, cosa resta da insegnare?

Per l'esasperazione di molti insegnanti, Wikipedia è la prima fermata per milioni di studenti, dalla scuola elementare all'università. La sua estrema semplicità sfida gli standard educativi attuali che implicitamente vedono queste informazioni come scarse e difficili da replicare. Cosa succederebbe se gli insegnanti chiedessero agli studenti di contribuire a Wikipedia? Altro...


Open Data:
Cosa possiamo costruire nel momento in cui la conoscenza universale può essere letta dalle macchine?

Wikidata è un nuovo progetto della Wikimedia Foundation: un database secondario, libero, collaborativo e multilingue, che raccoglie dati strutturati e provvede al supporto per Wikipedia, Wikimedia Commons e altri progetti Wikimedia e ben oltre. Potrebbe diventare uno dei migliori serbatoi di informazioni libere al mondo. Cosa possiamo farne? Altro...


Open Scholarship:
Cosa succede quando il meglio della conoscenza universale è accessibile a tutti?

Solo nel 2013 più di 500.000 ricerche scolastiche sono state fatte open access, su tutte le discipline - un numero senza precedenti. Queste sono tutte citabili in Wikipedia, ciò significa che possono essere integrate nell'enciclopedia, contestualizzate e rese disponibili a chiunque abbia una connessione a internet. Questo livello di accessibilità a una ricerca così precisa non è mai esistita nella storia, e il possibile vantaggio che possono averne tutti è incalcolabile. Altro...


Democratic Media:
Tutti i media devono avere per forza fini commerciali?

I media hanno una funzione politica, sociale, economica e culturale all'interno delle moderne democrazie. In queste società, i media sono la principale fonte di informazioni politiche e la principale porta di accesso al dibattito, e la chiave per avere dei cittadini informati e partecipi. La democrazia richiede un sistema di media che fornisca alle persone un ampio ventaglio di opinioni, analisi e dibattiti sui temi importanti, rifletta la diversità dei cittadini e promuova una responsabilità pubblica per le autorità. C'è un crescente sentore del fatto che la crescita di internet non abbia eliminato le differenze che potrebbe. more…




Wikimedia Foundation RGB logo with text.svg Google logo col 874x288.png Wikimedia UK logo.svg

Ask-Logo-Small.jpg

WikiHow Logo.png

Mathworks.jpg Tupperware Logo.gif

L39Logo.png RefME-Primary (1).svg OpenDataInstitute Logo.jpg

Partner

Londonandpartners.png Barbican-logo2.gif Mayoroflondon.gif

Cubs logo.png L39Logo.png Leuchtturm Logo.svg

Eventspark.png Hootsuite-logo.png MGage-logo.png

Media Partner

TechCityNewsLogo.png Guardian logo.svg Reddit logo.svg

If you are interested in sponsoring next year's Wikimania, please contact wikimania-sponsorship@wikimedia.org

Volontari

Wikimania 2014 volunteers.jpg

Wikimania was made possible by the 1000s of hours of work by 100s of volunteers


References

  1. Towards a classification framework for social machines Nigel Shadbolt, Daniel Alexander Smith, Elena Simperl, Max Van Kleek, Yang Yang, Wendy Hall, Web and Internet Science Group, University of Southampton, UK